Il nostro acciaio sbarca in Africa!
23 febbraio 2018
Fare impresa in campo sociale
8 giugno 2018
Show all

EXTRA LEGA E MATERIE PRIME

Erano i primi anni ‘80. Il nichel sferzò il mercato con un aumento di valore che raggiunse il 150%. I produttori iniziarono a parlare di un extra lega poi divenuto fisso e ancorato a dei valori di riferimento per nichel, cromo e molibdeno a metà degli anni ‘90.

Nel Febbraio del 1994 l’extra lega divenne legge sul mercato degli acciai inossidabili. Il suo valore era calcolato sulla media dei prezzi dei 2 mesi antecedenti la sua applicazione; calcolo che venne successivamente corretto per togliere ai clienti la possibilità di scegliere il mese di consegna con la lega a loro favorevole. Da qualche anno il calcolo si basa sulla media dei 20 giorni lavorativi precedenti la data del giorno 20 (non festivo) di ogni mese.

Nichel, cromo e molibdeno … Perché nichel? Perché il suo prezzo è il più visibile in quanto negoziato quotidianamente al London Metal Exchange. Il suo valore determina la parte principale dell’extra lega e arriva ad incidere oltre il 50% sul prezzo finale del prodotto.

La sua quotazione è nelle mani di istituzioni finanziarie che seguono logiche non coincidenti a livello temporale rispetto a quelle che derivano dal rapporto offerta domanda.

Un salto indietro di 11 anni ci dimostra questo. Siamo a Maggio 2007, il contratto a 3 mesi raggiunge il record di Usd 49.105 dopo che nei due anni precedenti si era registrato un deficit di produzione per poi scendere improvvisamente a Dicembre dello stesso anno a 26.128 Usd.

Per ridurre il rischio legato alle oscillazioni del valore i produttori dispongono di meccanismi di copertura (edging) non utilizzabili dagli altri operatori di settore (centri di servizio, distributori) a causa della non perfetta correlazione temporale fra il momento dell’acquisto e quello della vendita.

Negli ultimi anni la volatilità è meno accentuata e i prezzi si muovono in un range più contenuto rispetto al passato. La riduzione dei costi di produzione legati a loro volta alla diminuzione dei costi energetici ha portato il prezzo del Nichel ai valori dei primi anni 2000.

Sarebbe auspicabile che questa ritrovata stabilità si mantenesse nel tempo perché’ la stabilità crea la condizione per lo sviluppo del mercato. L’attuale alto livello degli stock presente nei magazzini del London Metal Exchange (LME) potrebbe essere una garanzia in questo senso.

Condividete con noi la vostra esperienza in merito!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *