MADE IN STEEL 2017: dal 17 al 19 maggio a Fieramilano
30 maggio 2017
1° Evento Team Building Oiki: una vera prova…dei cuochi!
28 luglio 2017
Show all

Trofeo Oiki Golf: passione, non solo sport!

Lo scorso 11 Giugno presso il Golf del Ducato sul campo di Sala Baganza si è tenuta la 24ma edizione del Trofeo Oiki, un evento tra i più attesi dai soci del club.

Questa la classifica finale

Vincitore assoluto

1° Lordo TARASCONI GIOVANNI DUCATO – LA ROC 35
1° CATEGORIA
1° Netto VERZELLONI FILIPPO DUCATO – LA ROC 40
2° Netto MORDAZZI PAOLO DUCATO – LA ROC 39
2° CATEGORIA
1° Netto FRIGERI STEFANO DUCATO – LA ROC 44
2° Netto SILINGARDI MARCO DUCATO – LA ROC 41
3° CATEGORIA
1° Netto BORELLI PAOLO DUCATO – LA ROC 41
2° Netto CARRA GIORGIO DUCATO – LA ROC 39
1° Ladies FERRARI FEDERICA DUCATO – LA ROC 40
1° Seniores NEGRI VITTORIO DUCATO – LA ROC 41

 

Noi di Oiki nutriamo una profonda passione per il golf. Tra le diverse attività sportive che seguiamo, il golf è quella che più ci appartiene, per genetica si può dire, perché trasmessa dalla nostra famiglia.

Da cosa nasce questo legame?

Difficile spiegarlo soprattutto a chi non lo ha mai praticato e lo considera uno “sport” inutile sotto il un punto di vista della preparazione atletica.

A nostro parere, la migliore spiegazione di questa passione è quella scritta da Dino Buzzati nella sua novella “Golf: una passione irresistibile”:

“La gente che vive in città, a lungo andare, finisce per dimenticare che cosa sia un prato, un bosco, un cespuglio, non sa più come sia fatto il silenzio della campagna, che colore abbiano le stoppie, che suono faccia il vento nella selva. Tra uomo e natura si è creata una barriera che una distratta passeggiata domenicale fuori porta non basta certo a eliminare. Ora il giocatore di golf, avanzando nei labirinti del campo, incontra, riscopre e ricomincia ad amare tutte queste cose dimenticate… “.

“E così, magari senza rendercene conto, si ritorna un po’ nel cuore della verde natura, madre nostra, e si ritrovano le pure sensazioni di quando eravamo bambini e un angolo di prato, un albero, un fiumiciattolo, diventavano i romanzeschi personaggi delle nostre avventure favolose.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *